Lo scrigno di Atrus
Benvenuto nel nostro forum !!

Per aprire lo scrigno
e visualizzare ogni contentuto
devi registrarti
o effettuare il login

Jonas Kyratzes

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Jonas Kyratzes

Messaggio  struzzo il Mar 29 Mag 2012 - 10:24

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

Jonas Kyrayzes non è un gioco ma un autore di giochi. Un grande autore, a mio parere.
Nato in Germania e cresciuto in Grecia, Jonas ama la natura, gli animali e il mondo della fantasia, detesta l’ingiustizia e l’arroganza del potere ed esprime la sua natura gentile in modo talvolta poco gentile, duro, asciutto e senza concessioni al sentimentalismo.
Sviluppò il suo primo gioco, Last Rose in a Desert Garden, nel 2000 a soli 16 anni, e da allora ne produsse molti altri di svariati generi, compreso uno shooter, Traitor, che riscosse un grande successo tra gli appassionati.
In uno dei suoi esperimenti, The Museum of Broken Memories, Jonas usa la violenza delle immagini e delle situazioni per esporre al giocatore la violenza della guerra in tutte le sue sfaccettature.
Un’esperienza da viversi in prima persona, eludendo il filtro delle altrui opinioni. Voglio comunque riportare un commento anonimo:
Dopo aver eseguito il gioco due volte ero stupito. I durissimi sentimenti di Kyratzes nei confronti della guerra erano rimasti nella mia mente. Non ero veramente uscito dal Museo; vi ero rimasto intrappolato anche se non mi era chiaro come fosse successo. Ma per la prima volta avevo paura.

Proprio nei giorni scorsi Jonas ha rilasciato il suo primo gioco a pagamento: The Sea Will Claim Everything. L’ho acquistato in confezione “Bundle in a box” (l’unica disponibile) l’altro ieri e aspetto il momento buono per poterlo installare e giocare senza interruzioni.
The Sea Will Claim Everything, che segue The Book of Living Magic, è il terzo gioco di Kyratzes che si svolge nella Terra dei Sogni, un mondo popolato di strane ed affascinanti creature che esprime al meglio l’immaginario poetico e visionario di questo grande ammiratore di William Blake.

“Questo NON è un gioco per bambini. In effetti non è nemmeno un gioco, ovviamente, bensì un portale transdimensionale per la Terra dei Sogni. Se non arrivate a capirlo e preferite pensare che sia un gioco, sforzatevi almeno di capire che non è un “gioco” per bambini.
E’ vero che sia la casa a Desert Bridge che i suoi abitanti sono pieni di colori vivaci e occasionalmente persino divertenti, ma ciò non significa che siano stati creati per i bambini.
Non si tratta nemmeno di un “gioco” per adulti. Molti giovani possono trovarlo piacevole, ma non se hanno sei anni o possono a malapena leggere. A noi piace usare parole lunghe e articolate. Alcuni di noi usano anche parolacce, molto raramente ma può succedere.
Così, se fate parte di quel gruppo di persone che (citando Donald Trefusis) “hanno un rapporto con il mondo talmente labile da rimanere offesi dal linguaggio e non dall’ingiustizia, dalla violenza e dall’oppressione che urlano continuamente nelle nostre orecchie” allora andate a farvi fottere, per favore.
Se protestate dovrò pensare che non sapete leggere, per cui non dovreste allevare bambini. Se continuerete a protestare vi scatenerò contro la mia armata di aracnidi e potrebbe non piacervi. Siamo molto pelosi.
Grazie
Bob the Spider.”


Il brano è tratto dalla presentazione della prima storia ambientata nella Terra dei Sogni: The Strange and Somewhat Sinister Tale of the House at Desrt Bridge e Bob the Spider è uno degli straordinari personaggi che popolano il gioco, mi correggo, il portale transdimensionale.

Ho avuto la fortuna di far parte, per interposta persona, del team di beta tester per questo gioco cinque anni fa. Allora conoscevo soltanto il Museo, che considero ancora il capolavoro di Jonas, e fui entusiasta di collaborare al progetto. Confesso che all’inizio rimasi molto disorientata dalla diversità tra i due giochi e non apprezzai l’introduzione di lunghi dialoghi nel gameplay. Fortunatamente l’impegno preso mi costrinse ad andare avanti sino al sorprendente finale, che mi fece piangere, in cui ritrovai in pieno lo spirito del Kyratzes che conoscevo.

Per definizione dello stesso autore questa serie di giochi rientra nel genere che “si ama o si odia, senza mezzi termini”.
Chi vuole saperne di più su di lui può leggere questa recente [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link], e questo è il suo [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link], da cui si possono scaricare tutti i giochi, purtroppo solo in lingua inglese.

_________________
Rhem nunc et semper
avatar
struzzo
SUPER-GAMER


Messaggi : 2683
Data d'iscrizione : 08.06.11
Località : Roma

Tornare in alto Andare in basso

Re: Jonas Kyratzes

Messaggio  Cookie il Mar 29 Mag 2012 - 11:47

Grazie Stru! pciù
Ricordo solo vagamente il Museo delle Memorie Infrante, per un approccio di qualche anno fa, mai portato a termine; ma ero molto più distratta di quanto lo sia oggi e ho tutta l'intenzione di riprovarci.
Quello di Kyratzes è indubbiamente un mondo originale e io mi lascerò tentare dal nuovo gancio piumato!!
Anot


_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine][Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
avatar
Cookie
ADMIN-FELINA
ADMIN-FELINA

Messaggi : 2669
Data d'iscrizione : 07.03.11

http://loscrignodiatrus.blogspot.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Jonas Kyratzes

Messaggio  struzzo il Mar 29 Mag 2012 - 13:20

Gancio piumato non è male per niente! grazie per non aver detto "amo" Cookie pciù
Vedremo se qualcuno accetterà la sfida di Jonas...

_________________
Rhem nunc et semper
avatar
struzzo
SUPER-GAMER


Messaggi : 2683
Data d'iscrizione : 08.06.11
Località : Roma

Tornare in alto Andare in basso

Re: Jonas Kyratzes

Messaggio  Cookie il Ven 8 Giu 2012 - 10:06

AHI....gancio subdolo quello dello struzzo che, nascosto dalla morbida piuma, affilato e preciso si insinua nel cuore!
......
Ho accettato la sfida e sono uscita "fresca fresca" dal Museum of Broken Memories - e virgoletto l'aggettivo perchè da questa esperienza non si esce nè tanto leggeri nè tantomeno accompagnati da una sensazione di freschezza.
Non so dirvi quanto mi è piaciuto questo viaggio tanto originale, duro per i suoi contenuti, e nel contempo struggente.
E' proprio vero che c'è un tempo per tutto: anni fa non gli avevo dato il giusto peso e lo abbandonai con leggerezza, dopo aver sfiorato quel senso di angoscia che è riuscito a dipingere in modo così inconsueto! Bravo Kyratzes, che nel contrasto tra le memorie tratteggiate in bianco e nero e il ritorno alle stanze colorate del museo, sottolinea perfettamente la crudeltà di ogni ricordo....e che nell'inganno della semplicità nasconde tanta profondità!

Grazie a te, struzzo, per avermelo ricordato! pciù


_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine][Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
avatar
Cookie
ADMIN-FELINA
ADMIN-FELINA

Messaggi : 2669
Data d'iscrizione : 07.03.11

http://loscrignodiatrus.blogspot.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Jonas Kyratzes

Messaggio  struzzo il Ven 8 Giu 2012 - 13:36

Che vena poetica Cookie! Thanks
Kyratzes è un grande! Sto seguendo sul suo [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] le sue ultime disavventure... lui e il gatto con un problema di calcoli e Verena, la splendida illustratrice del Mondo dei Sogni e sua compagna, investita da un taxi... pare un periodo terribile per tutti :-(

_________________
Rhem nunc et semper
avatar
struzzo
SUPER-GAMER


Messaggi : 2683
Data d'iscrizione : 08.06.11
Località : Roma

Tornare in alto Andare in basso

Re: Jonas Kyratzes

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum